Bologna, «basta con i seggi elettorali nelle scuole». E alcuni hanno già una nuova sede