Final Eight, una brutta Virtus va già a casa